Balboa: un ballo elegante e discreto

“Non appena attiri l’attenzione su di te, non stai più ballando Balboa”

 

Con questa frasi si può tranquillamente capire lo spirito, l’anima del balboa.

Il Balboa è conosciuto per i suoi ritmi veloci, il suo footwork elaborato ed elegante e la sua posizione chiusa e stretta. Questo ballo swing che è nato tra gli anni ‘20 e gli anni ’30 a Orange County in California trova sempre più appassionati. La

I piccoli passi e il poco spazio che viene occupato dai ballerini risalgono alle norme rigide delle ballroom in quella zona della California. Questo ballo prende il suo nome dalla penisola Balboa in California.
Proprio a causa, o grazie, all’affollamento delle ballroom che erano già piene e non potevano più permettere altri balli; come per esempio il Charleston che con i suoi kick accentuati occupava molto spazio; serviva un’alternativa: è così è nato il Balboa.

I passi del Balboa

La forma originale di questo ballo si chiama Pure Balboa o Pure-Bal e viene ballato in una posizione completamente chiusa, petto a petto e postura dritta.
Il Balboa richiede una connessione forte e si concentra sullo spostamento del peso e le variazioni dei piedi (Footwork). I piedi si muovono sempre in sintonia, senza giri oppure momenti dinamici di spazio fra le coppie.
Il passo base di questo ballo swing è basato su 8 tempi suddivisi in 2 momenti di 4 tempi. La maggior parte dei movimenti è svolta dai piedi con variazioni del ritmo piuttosto veloci, anche se si può ballare anche a ritmi più lenti. A differenza del Pure Balboa o Pure-Bal, esiste il Bal-Swing, una versione del Balboa che è più dinamica e permette più spazio fra le copie includendo movimenti come giri, dips, tricks e aerials. Tuttavia, la successione dei passi è basata sui passi del Pure Bal.

 

Dove si balla balboa nella provincia di Fermo, Macerata e Ascoli Piceno?

Unisciti a Noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *